Marilisa D’Amico è l’autrice di “Parole che separano. Linguaggio, Costituzione, Diritti” pubblicato da Raffaello Cortina Editore. Marilisa D’Amico è professoressa ordinaria di Diritto Costituzionale e professoressa con delega a Legalità, trasparenza e parità di diritti all’Università degli Studi di Milano. È inoltre coordinatrice del Centro interuniversitario culture di genere. Il nostro linguaggio è invaso da sempre da parole che discriminano. In questo libro Marilisa D’Amico si concentra su diversi ambiti di questo linguaggio in particolare sulla discriminazione invisibile cioè la sistemica esclusione dell’universo femminile dalla lingua anche giuridica e istituzionale; su quella più aggressiva degli hate speech pericolosi per i diritti individuali e resi sempre più pervasivi dalla viralità dei social network; sulla discriminazione del linguaggio non verbale e delle immagini e infine quella più recente e insidiosa del linguaggio algoritmico. Un tema di fondamentale importanza che pone numerosi interrogativi, mette in luce il rapporto tra lingua e diritto e accende i riflettori sull’educazione e la cura delle parole come possibile rimedio.