Scrivere questo libro è stato un apprendimento continuo di competenze – Stefano Schiavo

L’ospite di questa puntata di Periscritto è Stefano Schiavo, Co-founder di Sharazad e di Lino’s & Co e autore del libro “Maker. Cosa cercano le aziende dagli artigiani digitali” (Franco Angeli 2017). Un libro che gli ha dato l’opportunità di esplorare un mondo che aveva incrociato diverse volte nella sua attività professionale ma nel quale non era protagonista.

Ma voi lo sapete chi sono i maker? Stefano Schiavo mi ha detto che il maker non si deve definire per ciò che fa ma per il valore che crea e tocca a lui costruirsi un ruolo per le aziende dal momento che non sono queste ultime a cercare i maker.

Io conosco molto bene il mondo delle aziende e parlando con gli imprenditori e i manager mi sono reso conto che queste non hanno bisogno della competenza tecnica dei maker.  Le aziende si aspettano dai maker che riescano a  leggere le tecnologie in un contesto più ampio e cioè come queste si inseriscono nei modelli di business e nella produzione.

Per scrivere questo libro Stefano Schiavo è andato a parlare con gli imprenditori, con gli artigiani, con gli addetti ai lavori per conoscere il loro punto di vista sul fenomeno dei maker. Poi ha raccolto le loro voci e ha cercato di  riportarle nel testo. Il lavoro preliminare alla scrittura, di esplorazione e di raccolta dei dati, è stato laborioso ma per ottimizzare i tempi ha usato un metodo molto efficace.

Tutti gli incontri ai quali ho partecipato e le interviste che ho fatto sono stati per me occasione di un apprendimento continuo di competenze. Viaggiavo molto e passavo anche tanto tempo in macchina così ho collegato il mio smartphone al bluetooth della mia auto e ho iniziato a prendere appunti dettandoli a voce mentre guidavo. In questo modo ottenevo dei testi scritti sui quali poter poi lavorare al computer. Questa è stata la base del mio lavoro e mi ha permesso di arrivare alla prima stesura in pochi mesi.

Quali sono le skill che un maker deve possedere oggi al di là delle competenze tecniche? Stefano Schiavo mi ha detto che il futuro è riuscire a integrare il mondo dei maker con quello delle aziende e far crescere una nuova prospettiva economica. I maker devono però essere preparati.

I maker devono avere consapevolezza del contesto nel quale si trovano, saper dialogare con l’azienda per capire come avviene un processo d’innovazione all’interno della stessa e quali sono i meccanismi  che operano nella sua organizzazione. È molto importante anche entrare in empatia con le persone con le quali dialogano. Tutto ciò deve aggiungersi alle competenze tecniche che da sole non bastano.

Avete mai sentito parlare delle botteghe digitali? Siete curiosi di sapere quali sono gli errori che commettono più frequentemente i maker italiani? Per scoprirlo vi consiglio di ascoltare questa intervista.

Ascolta questo episodio in podcast su iTunes o Spreaker

Scopri il segreto degli scrittori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...