La voce dello scrittore è forte quando la scrittura nasce da un sentimento – Alessandra Minervini


Questa intervista è sponsorizzata da Streetlib, la migliore piattaforma per scrivere, pubblicare e vendere il tuo libro online.


L’ospite di questa puntata è una scrittrice, editor e writing coach che lo scorso anno ha pubblicato il suo primo romanzo che s’intitola “Overlove” (LiberAria 2016). Sto parlando di Alessandra Minervini che è l’autrice di questo libro, andato in ristampa dopo solo due settimane dalla pubblicazione.

Le storie fanno parte del mondo di Alessandra Minervini. Sono quelle delle quali si prende cura come editor ma anche quelle che, come writing coach, aiuta a venire al mondo. Le ho chiesto di raccontarci come ha scritto Overlove e la sua risposta è legata a questi tre aspetti:

Lo strumento più grande che ho a disposizione quando devo scrivere è l’osservazione che è indispensabile nella fase creativa. Poi cerco di attingere sempre qualcosa dalla mia vita. Non intendo dire che riporto la mia vita sulla pagina ma cerco di reinventarla e di riscriverla. Infine il silenzio non solo ambientale ma anche mentale che mi serve per lasciarmi andare alla scrittura vera e propria.

Non è stato facile scrivere questo romanzo poiché Alessandra ha dovuto scontrarsi con la sua mania di controllo e quindi mi ha detto era un continuo scrivere, riscrivere e poi tagliare.  Ha dovuto però fare anche i conti con i momenti di silenzio che per molti coincidono con il blocco dello scrittore.  Secondo Alessandra Minervini ci sono degli attimi in cui hai ben chiara davanti a te la storia ma non trovi le parole.

Le parole sono il nutrimento e la fame delle storie. Ci sono però anche dei momenti in cui non ci sono, non ti vengono in mente, non riesci a trovarle. A me è capitato persino di sfogliare il dizionario per cercarle ma niente. A volte le parole vanno reinventate o associate diversamente. È faticoso ma è proprio questo il bello dello scrivere.

Con Alessandra Minervini abbiamo parlato anche della voce dello scrittore. La sua è originale, nitida e si sente molto bene nel suo libro. Mi ha detto che la voce non si può costruire a tavolino ma c’è un esercizio che si può fare per aiutarla a venire fuori e che lei propone sempre nei suoi laboratori di scrittura: sentire il sentimento. Per scoprire di cosa si tratta vi consiglio di ascoltare questa intervista.

Ascolta questo episodio in podcast su iTunes o Spreaker

Scopri il segreto degli scrittori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...