Redattore web: cos’è e cosa fa

Qualche giorno fa io e la mia amica Marta siamo andate a bere un caffè insieme. Ad un certo punto si è avvicinato un signore, un suo amico, che lei ha invitato al nostro tavolo. Abbiamo piacevolmente parlato di tante cose ma quando lui ha saputo che mi occupo di scrittura per il Web, ha iniziato a tempestarmi di domande.

Mi racconta che ha una piccola azienda che produce biciclette, ha già un sito web ma sta cercando una persona che sappia scrivere dei contenuti di valore per il sito e per il blog che vorrebbe creare. Mi dice anche che, tra le diverse professioni della scrittura online, non sa bene a chi rivolgersi e se, il redattore web di cui ha sentito parlare, potrebbe essere il professionista che fa al caso suo.

Ecco che cosa gli ho risposto e come ho chiarito i suoi dubbi.

redattore-web-cose-e-cosa-fa

Definizione

Il redattore web si occupa di scrittura la quale viene prevalentemente impiegata per la creazione di contenuti per siti web, articoli e blog. Il redattore web in particolare utilizza una scrittura funzionale al raggiungimento di obiettivi informativi o promozionali, che richiede il rispetto di determinate regole che egli deve conoscere e saper utilizzare.

L’errore più comune che molte persone fanno è pensare che, chiunque abbia una buona dimestichezza con la lingua italiana e magari un po’ di fantasia, possa essere in grado di scrivere testi per il Web ma non è così.

Mi è capitato di avere dei clienti che si sono rivolti a me perché la loro attività di blogging non dava risultati, non c’erano condivisioni né commenti ai post. Alla mia domanda: “Chi scrive i testi e gli articoli del blog?” più di qualcuno mi ha risposto: “La segretaria, che non ha particolari competenze ma sa scrivere correttamente”.

Questo è uno sbaglio che anche l’amico di Marta stava per commettere ed ecco perché, l’impiego di un professionista, come per esempio il redattore web, può determinare il successo di qualsiasi tipo di attività promozionale online.

Che cosa può fare dunque il redattore web per esempio per il blog aziendale?

Il redattore web può rendere un blog lo strumento ideale per il raggiungimento del target di riferimento aziendale, attraverso la creazione di testi semplici, grazie ai quali instaurare una comunicazione diretta ed efficace col pubblico.

Quando viene contattato da un’azienda per la creazioni di articoli e post per il blog, il redattore web deve conoscere gli argomenti che dovrà trattare e lo scopo della pubblicazione cioè fare branding (migliorare la percezione delle persone nei confronti del brand), engagement (creare contenuti da utilizzare, attraverso le piattaforme social, per alimentare l’interesse e l’attenzione del pubblico) o SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca).

Non si limiterà alla scrittura dei testi perché oggi, un redattore web che fornisce contenuti professionali, deve garantirne la qualità anche attraverso l’inserimento di immagini, link e una corretta formattazione del testo. Se saprà utilizzare bene tutti questi strumenti, il redattore web creerà dei contenuti di valore capaci di apportare all’azienda che lo ha impiegato benefici economici  e promozionali.

Pensi che quella del redattore web possa essere una risorsa anche per la tua attività? Contattami senza impegno al mio indirizzo di posta elettronica marzia.tomasin@periscritto.it e lo scopriremo insieme.

Scopri il segreto degli scrittori

Cos’è lo storyteller: definizione e significato

Vuoi rendere più efficace la strategia di comunicazione che hai adottato per la tua attività o per il tuo personal brand?

Forse non lo sai ancora ma esiste una tecnica di scrittura, chiamata storytelling, che sempre un maggior numero di aziende e liberi professionisti richiedono per raggiungere questo obiettivo.

Attraverso questo articolo ti spiegherò di che cosa si tratta e, alla fine, sarai in grado di valutare se anche la tua attività potrebbe averne bisogno e trarne beneficio.

cose-lo-storyteller-definizione-e-significato

La prima volta che ho sentito parlare di storytelling  ho fatto una veloce ricerca in Internet e, la definizione più ricorrente che ho trovato, è stata questa: “Lo storytelling è l’arte del raccontare storie”. Secondo questa logica dunque lo storyteller racconta delle storie ovvero è un narratore.

Detto così il concetto è vago e merita di essere approfondito anche perché, con l’espressione “raccontare storie” posso voler dire tante cose. Se dico storie posso intendere favole, storie vere, esperienze personali o addirittura frottole.

Oggi si fa storytelling in diversi settori cioè principalmente nel marketing, nel giornalismo, nella formazione e anche nella politica. In questo articolo mi occuperò del settore marketing con particolare attenzione allo storytelling aziendale.

Che cos’è dunque lo storytelling?

Lo storytelling è una tecnica di scrittura che utilizza le storie per attirare e mantenere alta l’attenzione di chi legge.

Il messaggio principale da far arrivare all’interlocutore viene veicolato, tramite il racconto, sul piano della partecipazione emotiva e dell’immedesimazione.

Facciamo un esempio:

Nel mio ruolo di web copywriter vengo incaricata da un’azienda di promuovere un nuovo prodotto attraverso la creazione di contenuti per il suo blog. L’azienda produce cibo per animali e mi chiede di parlare di una nuova linea di crocchette per cani. Io posso svolgere questo lavoro in due modi ovvero posso dire:

“Per offrire al vostro cane un’alimentazione sana e bilanciata, comprate le crocchette della nuova linea “Vital plus 30″. Ricco di vitamine e antiossidanti, questo cibo rafforza il sistema immunitario e riduce il rischio di malattie cardiovascolari”. 

La stessa cosa però io la posso scrivere anche così:

“La cosa più bella che mi è successa questa estate è stata incontrare Max. Stavo passeggiando sulla spiaggia quando lui mi è venuto incontro e, appena i miei occhi  hanno incrociato i suoi, ho capito subito che era triste e alla ricerca di un padrone. Max è un cucciolo di Labrador di 20 mesi. L’ho accolto con me ma ho notato subito che qualcosa non andava, era sempre affaticato e, nonostante il suo entusiasmo lo spingesse a correre con me, vedevo che faceva fatica. Siamo andati dal veterinario che, dopo averlo visitato, mi ha detto che i cani, soprattutto quando vengono dal randagismo, possono essere soggetti a malattie cardiovascolari ed è quindi importante che seguano un’alimentazione ricca di vitamine e antiossidanti per rinforzare il sistema immunitario. Il veterinario mi ha suggerito vari cibi per cani ma quello che Max ama di più sono le crocchette della linea “Vita plus 30” . Ogni mattina io e Max andiamo a correre sulla spiaggia e, al nostro rientro, lui mangia la sua ciotola di crocchette “Vital plus 30″ mentre io faccio colazione”.

In entrambi i casi io ho portato correttamente a termine il mio compito, poiché il messaggio principale è stato trasmesso ai destinatari in maniera chiara, diretta e precisa. È diversa la tecnica di scrittura che ho utilizzato per esprimere questo messaggio e, nel secondo caso, si tratta proprio di storytelling.

A mio giudizio lo storytelling è molto più efficace perché propone un modo diverso di comunicare con il cliente. Si tratta in sostanza di trasmettergli un messaggio passando attraverso le emozioni piuttosto che attraverso la razionalità. In questo modo è come se io parlassi ad un amico per dargli un consiglio, lo coinvolgo nella mia storia, lo emoziono e riesco probabilmente anche a catturare la sua fiducia.

Lanciare un messaggio del tipo “compra questo prodotto” credo possa quasi infastidire chi legge. Se io invece gli parlo attraverso il racconto di una storia, catturo la sua attenzione e faccio si che non mi veda più come un’azienda  che vuole solo vendere ma come un’azienda della quale ci si può fidare e, molto probabilmente, comprerà il prodotto.

A questo punto è più semplice identificare anche la figura dello storyteller.

Lo storyteller lavora con la scrittura e sa usare bene l’arte del racconto emozionale. Potrà essere un web copywriter, un blogger, un web editor o più in generale chi si occupa di content management sia online che offline.

Quando scrive, lo storyteller, oltre ai contenuti testuali, può servirsi anche di immagini, video, illustrazioni che possono aiutarlo a rendere ancor più efficace il messaggio da trasmettere.

Può fare storytelling  attraverso la creazione di un sito web ad hoc, di un blog o tramite i social network, dove la conversazione è più attiva ed immediata. In questo modo sarà più facile stimolare, nel fruitore del contenuto, il desiderio di compiere un’azione come l’acquisto di un prodotto o servizio.

Chi dunque utilizza quest’arte della scrittura ha certamente una marcia in più, produce un valore emotivo che i lettori sapranno apprezzare e i risultati non tarderanno ad arrivare.

Per capire meglio di cosa sto parlando ti consiglio di guardare questa serie di video che mostrano alcuni esempi di grandi aziende che, attraverso la narrazione, hanno fatto brand sorytelling d’autore.

Sei entusiasta e non vedi l’ora di cominciare a fare storytelling per la tua azienda? Contattami per una consulenza o un preventivo gratuito.

Scopri il segreto degli scrittori